Parole d'autore

Vegliardo di Ada Negri

Poesia "Vegliardo" di Ada Negri

Tags: Nessun tag
Prega—sei solo.—Il tardo
Passo qual triste idea qui t'ha guidato,
O pallido vegliardo?
Forse ti parla ne la chiesa oscura
Quel Dio che ti fe' grande e sventurato,
Quel tremendo Signor che t'impaura?...
 
Passan ne la tua mente
Le rimembranze de l'età fuggita,
Passan, gelidamente:
Ed il tetro squallor del tempo antico
E il calvario crudel de la tua vita,
La tua vita di servo e di mendico.
 
Prega. Sfiorîr cogli anni
Di tua lontana gioventù solinga
Voti, speranze, inganni.
E pur fidavi—e ti cantava in core,
E ti spronava sulla via raminga
Il fresco inno gentil d'un primo amore.
 
Per quel nemico, acerbo
Destin che sotto un giogo empio curvava
Il capo tuo superbo;
Per la tua mesta gioventù schernita,
Pe' tuoi laceri panni ella t'amava,
E l'orme seguitò de la tua vita....
 
Era bionda e sottile,
E come raggio le parlava in fronte
Il cor grande e gentile.
Con te divise degli affanni il pondo,
De la tua povertà gli strazi e l'onte,
E la sprezzante carità del mondo;
 
Poi.... s'addormì. L'assorta
Dolce pupilla al bacio tuo chiudea,
Piccola fata smorta.
Ove fuggiva?... In qual plaga profonda,
In qual lembo di ciel si nascondea
La tua boema innamorata e bionda?...
 
.... Prega—sei solo.—Il tardo
Passo ben triste idea qui t'ha guidato,
O tremulo vegliardo!
Forse ti parla ne la chiesa oscura
Quel tremendo Signor che pur t'ha dato
Il sorriso di lei ne la sventura?...
 
Svanîr calma e tempesta;
Ormai la tua giornata è giunta a sera,
Nulla quaggiù ti resta.
Su te mendico, servo e dispregiato,
Senza posa gravò la sferza fiera
D'un avverso destin.... ma fosti amato!...