Parole d'autore

La panca contadina di Carlo Betocchi

Poesia "La panca contadina" di Carlo Betocchi

Tags: Nessun tag
Odi il canto del gallo, odi le prime
campane, cosi come tu sei, ora,
da stanca suppellettile, mio cuore,
come quando è mattina
nella vecchia cucina, 
la panca contadina, e tutti dormono;
che pur se tra le fibre ti si legga

ancora picchiettato d'albe e canti
di galli, ben poco hai appreso, cuore,
dalla vita già verde; 
e ormai nient'altro costi,
ridotto a intagli e tacche come sei,
che quel che vale ciò che sempre serve.
Perciò, già che sei vecchio, e tutti passano
su di te levigandoti,
chi per suo agio chi per baloccarsi,
bada a non metter schegge che feriscano
le giovinette carni ai più bambini,
via via che più tarmato e secco sèi
e più 'prossimo a farti poca cenere 
al primo odor di bruciaticcio...