Parole d'autore

Sulle carnificine della Bulgaria di Edmondo De Amicis

Poesia "Sulle carnificine della Bulgaria" di Edmondo De Amicis

Tags: Nessun tag
Infurïate, o belve, e sui Balcani
Figga gli occhi la terra inorridita;
Non andrà la codarda opra impunita,
Stupide belve dai sembianti umani.

Su quelle rupi un giorno a brani a brani
Vi farà la mitraglia moscovita,
E sanguinosa e informe orda atterrita
Ruinerete, brancolando, ai piani;

E i padri vostri innanzi al vincitore
Fuggiran dal paese maledetto
Morti di fame e pazzi di terrore;

E il vostro re dei re, bianco sul trono
Come i fanciulli a cui rompeste il petto.
Curverà il capo e chiederà perdono.