Parole d'autore

I Cantos – XIII di Ezra Pound

Poesia "I Cantos – XIII" di Ezra Pound

Tags: Nessun tag
Kung vagò
….dal tempio dinastico
Nella cedraia
….lungo il fiume inferiore
Ch’iu e Ch’hi con lui e
….Tien dalla voce profonda
Disse Kung: “siamo ignoti”,
“ti farai auriga
….per avere la celebrità?”
“O io dovrei condurre carri da caccia?
O farmi oratore, o arciere?”
E Tzu-lu: “Io ordinerei le fortezze” rispose,
E Ch’iu: “S’io fossi signore di una provincia
La ordinerei meglio di questa”.
E Ch’hi disse: “Preferirei un tempietto sui monti,
Ed osservare i riti
….prescritti”.
Tien accarezzò le corde,
E il liuto suonò sommesso,
….Dopo aver tolta la mano,
Guardò il suono alzarsi come fumo tra le foglie,
….e disse:
….“Al pozzetto, lungo il fiume,
Dove i ragazzi schizzan dai trampolini,
O si suonan le mandole fra i cespugli”.
….E Kung a tutti sorrise.
Poi Tseng Hsi domandò:
….“Chi ha dato la retta risposta?
“Tutti, ognuno secondo il suo temperamento.”
E Kung minacciò Yuan Jang,
….più vecchio di lui,
Che diceva acquisir sapienza,
….musando lungo la strada,
E gli disse:
….“Vecchio idiota, smettila,
Alzati e fatti utile.”
….E Kung disse:
“I talenti d’un neonato
….si rispettino dal primo vagito,
Ma un cinquantenne ignorante
….non merita rispetto alcuno.”
E ancora: “Il principe che si circondi
Di savi ed artisti
….usufruirà delle sue ricchezze.”
Disse, e scrisse su tavolette di bambù:
….“Chi non ha ordine dentro di sè
Non l’imporrà ai circostanti;
Chi non ha ordine interno
La famiglia non agirà coordinata;
….Il principe senza ordine dentro di sè
Non l’imporrà nei suoi domini.”
E dava le parole:
“Ordine” e “Deferenza fraterna”
E non parlò dell’oltretomba.
Ma disse:
….“Chiunque può oltrepassare,
Facile è tirare oltre il segno,
Difficile è tenersi nel centro.”

E quando gli chiesero: “Se un uomo assassinia,
….Il padre lo deve proteggere, ed occultare?”
Kung rispose:
….“Occultare.”

E dette la figlia a Kung-yen Ch’ang
….per quanto in prigione.
E la nipote a Nan Jung
….disoccupato.
Huan tenne in bilancio lo stato,
….coordinò regnando,
E io ricordo che una volta
Gli storiografi lasciavan lacune, intendo
Per quel che ignoravano, ma
Quel tempo pare passi.”
E disse: “Senza carattere non puoi
….suonar quello strumento,
Né la musica per le odi.
Gli albicocchi fioccano petali
….dall’est al tramonto,
E ho tentato d’impedirne il cadere.”