Parole d'autore

Notte del gabelliere di Raffaele Carrieri

Poesia "Notte del gabelliere" di Raffaele Carrieri

Tags: Nessun tag
La notte il gabelliere
è più povero di Giobbe:


la lepre ha la tana
la pecora la lana
 la foglia è compagna
di un'altra foglia.
Non c'è formica
senza formicaio
né cuculo senzabete.
 Il nespolo fa il frutto
l'ape il miele
l'inverno porta neve.
In ogni stagione
il gabelliere sconta
 il peggio della notte.
Travaglio di vento
tormento di sonno.
Chi rimuove lo stagno,
chi passa nel trifoglio?
All'erta gabelliere
è la Signora Morte.