Parole d'autore

'O schiattamuorto di Antonio de Curtis (Totò)

Poesia "'O schiattamuorto" di Antonio de Curtis (Totò)

Tags: Napoletane
I' faccio 'o schiattamuorto 'e professione,
modestamente sono conosciuto
pe tutt' 'e ccase 'e dinto a stu rione,
pecchè quann'io maneo nu tavuto,
songo nu specialista 'e qualità .
I' tengo mode, garbo e gentilezza.
'0 muorto mmano a me pò stà sicuro,
ca nun ave nu sgarbo, na schifezza.
lo 'o tratto come fosse nu criaturo
che dice a 'o pate: " Me voglio jì a cuccà ".

E 'o cocco luongo, stiso int' 'o spurtone,
pure si è viecchio pare n'angiulillo.
'0 muorto nun ha età , è nu guaglione
ca s'à addurmuto placido e tranquillo
nu suonno doce pe ll'eternità .

E 'o suonno eterno tene stu vantaggio,
ca si t'adduorme nun te scite maie.
Capisco, pe muri nce vò 'o curaggio; 
ma quanno chella vene tu che ffaie? 
Nn' 'a manne n'ata vota all'aldilà ?

Chella nun fa 'o viaggio inutilmente.
Chella nun se ne va maie avvacante.
Si povero, si ricco, si putente,
'nfaccia a sti ccose chella fa 'a gnurante,
comme a nu sbirro che t'adda arrestà .

E si t'arresta nun ce stanno sante,
nun ce stanno ragione 'a fà presente;
te ll'aggio ditto, chella fa 'a gnurante...
'A chesta recchia, dice, io nun ce sento;
e si nun sente, tu ch'allucche a ffà ?

'A morte, 'e vvote, è comme ll'amnistia 
che libbera pe sempe 'a tutt' 'e guaie
a quaccheduno ca, parola mia,
'ncoppa a sta terra nun ha avuto maie 
nu poco 'e pace... na tranquillità .

E quante n'aggio visto 'e cose brutte:
nu muorto ancora vivo dinto 'o lietto,
na mugliera ca già teneva 'o llutto
appriparato dinto a nu cassetto,
aspettanno 'o mumento 'e s' 'o 'ngignà .

C'è quacche ricco ca rimane scritto:
"Io voglio un funerale 'e primma classe!".
E 'ncapo a isso penza 'e fà 'o deritto:
"Così non mi confondo con la massa".
Ma 'o ssape, o no, ca 'e llire 'e llasse ccà?!

'A morte è una, 'e mezze sò tante
ca tene sempe pronta sta signora.
Però, 'a cchiù trista è "la morte ambulante" 
che puòò truvà p' 'a strada a qualunch'ora 
(comme se dice? ... ) pe fatalità .

Ormai per me il trapasso è na pazziella;
è nu passaggio dal sonoro al muto.
E quanno s'è stutata 'a lampetella 
significa ca ll'opera è fernuta
e 'o primm'attore s'è ghiuto a cuccà .