Parole d'autore

Romanità di Trilussa

Poesia "Romanità" di Trilussa

Tags: Roma
Un giorno una Signora forastiera,
passanno cor marito
sotto l'arco de Tito,
vidde una Gatta nera
spaparacchiata fra l'antichità,
Micia che fai? je chiese:e je buttò,
un pezzettino de biscotto ingrese;
ma la gatta scocciata, nu' lo prese,
e manco l'odorò.
Anzi la guardò male
e je disse con un'aria strafottente:
Grazzie, madama, nun me serve gnente:
io nun magno che trippa nazzionale.