Parole d'autore

Il mondo intero è un palcoscenico di William Shakespeare

Poesia "Il mondo intero è un palcoscenico" di William Shakespeare

Tags: Nessun tag
Il mondo intero è un palcoscenico,
E tutti gli uomini e le donne semplicemente attori:
Hanno le loro uscite di scena e le loro entrate in scena;
Ed  un uomo durante la sua esistenza recita molte parti,
La sua vita è composta da 7 atti. All'inizio è un poppante,
che geme e rigurgita tra le braccia della nutrice.
Quindi lo scolaretto piagnucoloso, con la sua cartella
Ed il viso illuminato a giorno, avanzando come una chiocciola
malvolentieri verso la scuola. Poi l'amante,
Che sospira come una fornace, con una sciocca poesia
Dedicata al sopracciglio della sua bella. Dopo il soldato,
Fedele a strani giuramenti e con la barba di una fiera,
Custode dell'onore, svelto e pronto alla rissa,
Che cerca un'effimera reputazione
Anche nella bocca del cannone. Quindi la giustizia,
In una pancia bella paffuta rimpinzata di buon cappone,
Con occhi severi e taglio formale di barba,
Piena di saggi proverbi ed istanze moderne;
E così recita la sua parte. La sesta età scivola
Tra i pantaloni penduli e sgualciti,
Con occhiali sul naso e la borsa a tracolla,
I suoi indumenti giovanili, un mondo troppo grande
Per il suo polpaccio dimagrito; E la sua gran voce virile,
che torna ad essere l'ugola infantile, suona come
Flauti e fischi. L'ultima scena di tutte,
Che termina questa strana storia a tappe,
E' la seconda infanzia ed il semplice oblio,
Senza denti, Senza occhi, Senza gusto, Senza niente.